header

Follow Us

header2

 

Stranger Things è l’ennesima perla di Netflix, diventata di culto in pochissimi giorni. Una notte un ragazzino sparisce nel nulla dopo aver avvistato una specie di “mostro” e vengono narrate le vicende del disperato tentativo di ritrovarlo da parte del restante gruppo dei suoi amici, a cui si aggiunge una misteriosa ragazzina (la bravissima Millie Brown) in fuga e dotata di poteri telecinetici e da parte del fratello e della madre (Winona Ryder), che riesce in qualche modo a mettersi in contatto con il figlio e viene aiutata dallo sceriffo del posto.

Per i fratelli Duffer, gli autori di Stranger Things, non era certo un'impresa facile tenere il passo della prima stagione di questa acclamatissima serie, che ha conquistato così tanti spettatori per la sua capacità, non solo di rievocare, ma di far rivivere gli anni 80 ai nostalgici e a chi non li ha mai visti con i propri occhi, senza penalizzare il contenuto di ciò che si vuole raccontare. Il rischio era quello di entrare in un loop di autocompiacimento citazionistico, ripetitivo e fine a se stesso, che avrebbe finito per annoiare, non apportando nulla di nuovo alla storia. Fortunatamente così non è stato, anzi la caratterizzazione dei personaggi, le interazioni fra loro e i legami che si sono instaurati (i nuovi e quelli che si consolidano) non hanno cessato di essere fondamentali nelle dinamiche del racconto, anzi si può dire che abbiano assunto addirittura maggior rilievo rispetto alla prima stagione.

Leggi tutto: Cosa ci ha colpito della seconda stagione di Stranger Things

Stranger Things è l’ultima perla di Netflix, che fa ancora una volta centro, regalandoci un vero e proprio capolavoro senza se e senza ma. La serie è diventata già di culto in pochissimi giorni, credo sia impossibile non vi siate imbattuti in almeno un vostro contatto su facebook che postava qualcosa di inerente ad essa.

Leggi tutto: 10 motivi per cui perdere assolutamente la testa per Stranger Things

Questo è stato un anno davvero prolifico per quanto riguarda le serie tv. Sono diverse le nuove uscite che hanno saputo conquistarci pienamente o addirittura sorprenderci come non accadeva da tempo nel panorama telefilmico. A queste, vanno sommate anche le serie tv che già consideravamo degne di nota ed hanno saputo riconfermarsi tali con le nuove stagioni andate in onda. Chiaramente, in ogni classifica che si rispetti, per quanto il più oggettiva possibile, rientra una dose di gusto personale e, sicuramente, noterete delle assenze, giustificate solo dal fatto che per questioni di tempo non abbiamo potuto visionare tutto il materiale disponibile (siamo umane anche noi).

Leggi tutto: Le migliori serie tv del 2016

Articoli Recenti

Per i fratelli Duffer, gli autori di Stranger Things, non era certo un'impresa facile tenere il...
In un periodo in cui prolificano serie TV che ci proiettano in futuri poco edificanti sulla scia...
"Big Little Lies" è una miniserie di sette puntate, creata da David E. Kelley (Ally McBeal), diretta...
La settima stagione di Game of Thrones si è conclusa Domenica notte con una puntata forse fin...
La puntata che andiamo ad analizzare è stata finalmente meno frenetica del solito, più facile da...
Template Settings

Color

For each color, the params below will give default values
Blue Red Oranges Green Purple Pink

Body

Background Color
Text Color

Header

Background Color

Footer

Select menu
Google Font
Body Font-size
Body Font-family
Direction