header

Follow Us

header2

Con questo articolo inauguriamo una nuova rubrica, utilissima per l'estate, dal nome "Serial - kit di sopravvivenza nel Disagio". In che cosa consiste? Vi consiglieremo tutte quelle serie tv che dovrebbero assolutamente far parte del vostro repertorio telefilmico, quelle che non potete proseguire nella vostra disagiata esistenza senza averle guardate o che semplicemente dovreste recuperare in questi periodi "relativamente tranquilli", come l'estate, con poche nuove uscite a cui star dietro.

Iniziamo con una serie per gli amanti dell'horror, come la nostra Jessica, che esordisce qui su Disagio con questo simpaticissimo articolo.

Buona lettura!

 

Piccola Premessa:

Tutto ciò che è contenuto in questo articolo è una mia opinione personale.

Gli spettatori di questa serie si dividono in due categorie:

chi l'ha amata e chi l'ha odiata.

 Io l'ho amata.

 

 Inizialmente volevo fare un Reasons Why, ma ho realizzato cosa ne sarebbe emerso, ovvero:

1) Eva Green

2) Eva Green

3) Eva Green...

(ripeti all'infinito)

 

pennydreadful disagioseriale 2

 

Insomma, non mi sembrava il caso. Di conseguenza, ho preferito parlarvi in generale di questa fantastica serie, cercando di non spoilerarvi, per farvi comprendere le ragioni per le quali, nonostante la sua repentina dipartita dagli schermi televisivi, sia un prodotto che non dovreste perdervi.


Penny Dreadful è una serie di genere horror, creata e scritta da John Logan ed è stata trasmessa dall'11 Maggio 2014 al 19 Giugno 2016. Ho una buona notizia per tutti coloro che si lamentano del poco tempo e delle serie tv infinite, questa consta di 27 episodi, suddivisi in sole tre stagioni. La recupererete in un batter d'occhio, altro motivo per cui guardarla questa estate!
Prende il nome da “I Penny Dreadful”, una pubblicazione periodica diffusa nel XIX secolo nel Regno Unito e si ispira a “La lega degli straordinari gentlemen” di Alan Moore.


Le vicende coinvolgono più personaggi, a partire da Ethan Chandler (Josh Hartnett), che durante un'esibizione dà prova della sua abilità con le armi da fuoco. Tutto ciò avviene sotto lo sguardo attento di Vanessa Ives, (interpretata da una magnifica Eva Green - non si nota minimamente che sono una sua fan, vero?), la quale gli propone un lavoro notturno. I due, insieme a Sir. Malcom Murray (Timothy Dalton), si avventurano per la città alla caccia dei vampiri che hanno rapito Mina, la figlia di Sir Malcom. E non finisce qui, faranno la loro comparsa altri personaggi molto interessanti, come il Dottor Frankenstein, Abraham Van Helsing, Dorian Gray e molti altri, le cui vicende, inevitabilmente, finiranno per intrecciarsi con quelle di Vanessa.

pennydreadful disagioseriale 4


Perché Penny Dreadful è una serie da non perdere? I motivi sono molteplici; per iniziare, la meravigliosa ambientazione, un'oscura Londra vittoriana, poi, senza dubbio, la storia, che intreccia le origini di varie icone della letteratura horror, come Victor Frankenstein, Dorian Gray, Dr.Jekyll, il conte Dracula, i licantropi, le streghe e vampiri, una vera manna dal cielo per coloro che amano i “mostri” della letteratura classica (come me). Un'altra ragione è proprio Vanessa Ives, che è una figura enigmatica e misteriosa, con un passato oscuro e qualche "problema di possessioni" (Eva meravigliosa anche in quello stato, da non credere!); per non parlare di Victor Frankenstein, alle prese con i suoi esperimenti e la sua pessima vita sociale, passando per i vampiri terrificanti (dimenticatevi i bellocci di Twilight e la loro pelle sbrilluccicosa, qui si fa sul serio) e delle streghe davvero inquietanti. E vogliamo parlare della moglie che Frankenstein crea per il suo “mostro” originale? Lei è come il boss finale di un videogioco, spietata e psicopatica (motivo in più per adorarla)!

pennydreadful disagioseriale 3

 

All'apparenza potreste scambiarla per la classica storia permeata dal “bene contro male”, ma posso assicurarvi che non è così. I personaggi non sono per niente manichei, presto inizierete a chiedervi chi sia davvero malvagio e chi buono, perché, di fatto, non c'è una reale classificazione. Ognuno di loro compie azioni buone e altrettante malvagie, nessuno è completamente positivo o, tanto meno, totalmente negativo e, posso dire, finalmente si dà spazio alle sfumature! Ero stanca delle classiche eroine/eroi, completamente buone/i e che non vacillano mai, lo trovo poco realistico (sfido chiunque a contraddirmi!). Ho decisamente amato e odiato - sì, contemporaneamente - ogni personaggio, da quello che sembra più buono e vulnerabile al più crudele e spietato; uno di questi è senza dubbio Brona Croft (interpretata da Billie Piper, la nostra indimenticabile Rose di Doctor Who), inizialmente oscurata dall'importanza degli altri, ma che subisce una trasformazione impressionante nel corso della storia. Non si può non menzionare l'enigmatica figura del mostro di Frankenstein: nei suoi confronti proverete pietà e rabbia, alternandole di continuo, sperando in un immediato lieto fine per il suo personaggio, affinché trovi il suo posto nel mondo.
Ma, sopratutto, ho apprezzato moltissimo i collegamenti tra i personaggi: ognuno di loro è legato all'altro, alcuni in modo ovvio, altre correlazioni, invece, sono meno immediate e si svelano più avanti nella storia, generando diversi colpi di scena. Questo permette di far emergere, a posteriori, parti della vita dei protagonisti, che erano rimaste all'oscuro fino ad un certo punto; il bello di questa serie, infatti, è l'approfondimento psicologico dei personaggi, che possiamo dire di conoscere totalmente soltanto alla fine (o nemmeno a quel punto!). Inoltre vedere icone, tanto amate e note nella letteratura e nel circuito horror, unite in un'unica serie è davvero allettante. Bisogna assolutamente che la guardiate, per vedere come queste figure, così diverse e appartenenti a svariati immaginari, possano interagire tra loro.

pennydreadful disagioseriale 10

Gli episodi, inizialmente, sono lenti, ma non trovo che questo sia deleterio, perché permette di approfondire molto i personaggi, conoscerne ogni sfumatura e, potete pensare quello che volete, ma se una serie riesce a fare questo, è già nel mio cuore.
Penny Dreadful vi coinvolgerà e vi sconvolgerà, vi catturerà: vorrete saperne sempre di più, di episodio in episodio vi sorgeranno in testa diverse domande,  come ad esempio chi sia Ethan e perché venga pedinato da due strani individui, cosa abbia fatto Vanessa Ives per farsi odiare da Sir Malcom e perché possa vedere e sentire cose invisibili ad altri, cosa sia successo nel loro passato per averli fatti giungere fin qui, cosa abbia a che fare Vanessa con le creature che si nascondono nell'ombra e cosa significhi il simbolo dello scorpione. E sono solo i primi interrogativi che mi vengono in mente!

pennydreadful disagioseriale 5

Devo avvertirvi, però, sebbene le prime due stagioni siano realizzate benissimo, con la terza arriva qualche nota dolente. Io l'ho trovata troppo frettolosa e poco soddisfacente; non fraintendetemi, il finale non è brutto e vale la pena di vederla comunque tutta, anche se alcune domande sono rimaste in sospeso, così come dei personaggi sono caduti nel dimenticatoio. Il produttore John Logan ha dichiarato più volte che fosse voluto, che aveva scelto di finire con la terza stagione già durante le riprese della seconda. Non dico che sia sbagliato perché non è un problema numerico di stagioni, sono solo del parere che se avessero aggiunto anche soltanto qualche episodio in più per dare un degno finale ad ogni personaggio, avrebbero conferito alla serie un senso di maggior completezza. Trovo difficile credere che fosse una cosa voluta, data la magnificenza delle prime due stagioni e pensate che molti fan volevano raccogliere delle firme affinché continuasse, ma John è stato chiaro: Penny Dreadful si può considerare conclusa. Ce ne dovremmo fare una ragione, ma io e molti fan ci speriamo ancora!

pennydreadful disagioseriale 6

pennydreadful disagioseriale 7 pennydreadful disagioseriale 8 pennydreadful disagioseriale 9

 

Penny Dreadful è una grande serie che meritava un finale migliore, senza dubbio, che molto probabilmente non conosceremo mai (salvo miracoli, magari John Logan si sveglia di colpo esclamando “Penny Dreadful deve continuare!”, ma non ci spererei molto. Netflix, pensaci tu!). Ad ogni modo, è una serie fatta davvero bene, per cui, piccoli difetti a parte, mi sento di consigliarla sempre a tutti coloro che amano il genere horror, la letteratura classica e l'epoca vittoriana.

Inutile aggiungere altro, l'ultimo consiglio che posso darvi è di correre a guardarla! Sono molto curiosa di sapere quanti di voi l'abbiano già vista e sopratutto cosa ne pensate!

Buona visione!

 

Jessica per Disagio Seriale

 

 

Seguiteci anche sui social per rimanere sempre informati!

Follow Us


Articoli Recenti

Quest'oggi Disagio Seriale vuole consigliarvi una comedy, dato che da diverso tempo non ne...
Il 6 Novembre è stato proclamato Stranger Things Day, in occasione della scomparsa di Will Byers,...
Con questo articolo inauguriamo una nuova rubrica, utilissima per l'estate, dal nome "Serial - kit di...
Lo so, questa serie è piaciuta da morire praticamente a tutti e, prima che partano gli insulti, il mio...
La seconda stagione della serie tv che ha più diviso il pubblico lo scorso anno è finalmente...
Template Settings

Color

For each color, the params below will give default values
Blue Red Oranges Green Purple Pink

Body

Background Color
Text Color

Header

Background Color

Footer

Select menu
Google Font
Body Font-size
Body Font-family
Direction