header

Follow Us

header2

Abbiamo deciso di riunire i due episodi in un’unica recensione, in quanto, a nostro parere, potrebbero considerarsi l’uno la prima metà dell’altro e globalmente la season premiere di questa sesta stagione. Entrambi gli episodi ci mostrano i personaggi dove li avevamo lasciati sul finire della scorsa stagione e, tirando le somme su ciò che è successo, pongono le premesse per il proseguimento della storia, mettendo anche parecchia carne al fuoco.

La scena che ci ha maggiormente commosso è senza dubbio quella del giuramento di Brienne a Sansa: finalmente la nostra eroina preferita riesce a mantenere fede alla promessa fatta a Lady Catelyn e Sansa ottiene la sua prima gioia da diverse stagioni a questa parte. Siamo certe che, sotto la protezione di Brienne, finalmente Sansa possa tirare un sospiro di sollievo e, teoricamente, giungere illesa da Jon.

   

Molto tenero l’abbraccio tra Theon e Sansa ed onesto il discorso del ragazzo prima di decidere di separarsi dal gruppo per ritornare dalla sua famiglia. Theon e Sansa non sono mai stati tra i nostri personaggi preferiti, il primo per il suo opportunismo e la seconda perché il paragone con la sorella Arya l’ha sempre fatta sfigurare. Sembrano lontani, però, i giorni in cui Theon era un gradasso e Sansa una viziata: questa potrebbe essere la stagione del riscatto e della rinascita per questi personaggi, o quanto meno dopo tutto quello che hanno subito ce lo auguriamo.

                             

got 6x01Un altro momento decisamente commovente è stato il discorso di Cersei alla scoperta della morte della figlia. Cersei è un personaggio controverso, poco apprezzato dagli spettatori, ma personalmente (qui parla Disorder, perché anche Fede non la ama particolarmente) non riesco a comprendere le ragioni di tanto astio. Certamente non è un personaggio buono, sicuramente si è macchiata di atti terribili, ma è anche da considerare il vissuto di questa donna che ha dovuto fortificarsi, crescere i suoi figli praticamente da sola, dato che Robert la tradiva davanti ai suoi occhi e l’ha continuamente fatta sentire non amata e inadeguata, essendo sempre stato innamorato di Lyanna, e che molto spesso ha agito in modo estremo, ma per amore della sua prole. Lungi da me giustificarne le azioni negative, ma ritengo la totale assenza di empatia verso questo personaggio ingiusta e ingiustificabile. Lei stessa non ha una buona opinione delle cose che ha dovuto fare e si domanda come una creatura così pura come Myrcella possa essere nata da un mostro come lei, in una scena che ci ha spezzato il cuore. Lena è stata veramente intensa nel riuscire a comunicare la sua sofferenza fin dal momento in cui chiude gli occhi dilaniata all’arrivo di Jaime con la figlia morta, prima ancora di esprimere con le parole il suo tormento.

 

 

La Montagna mette in scena ciò che farebbe Disorder con gli haters di Cersei.

           La Montagna mette in scena ciò che farebbe Disorder con gli haters di Cersei

 

Su Dorne, non essendo in pari con i libri, non facciamo paragoni, tuttavia non ci sembra ci siano grossi problemi di scrittura e non vediamo le Serpi semplicemente come assassine spietate senza ragioni. Ad ogni modo, ormai è chiaro ed anche divenuto necessario, che libri e telefilm seguano due filoni diversi, pertanto parlare di differenze è un conto, ma rimarcarle come difetti della serie, a nostro parere è sbagliato.

Arya ci ha fatto molta pena nelle sue condizioni di mendicante senza vista. Sappiamo che Jaquen e la sua compare la stanno aiutando, ma allo stesso tempo ci interroghiamo su dove andranno a parare una volta che l’avranno resa No one. Come si evolverà la sua storyline, per il momento lievemente statica? Se avete idee, scrivetecele nei commenti.

Ramsay è più sadico che mai e del resto ci aspettavamo tutto ciò che ha fatto nel momento in cui ha scoperto che il nuovo arrivato era un maschio. Con l’uccisione del padre e, soprattutto, di Walda e del piccolo, lasciati sbranare dai cani, credo si collochi ad un livello di spietatezza ancora maggiore rispetto agli altri cattivi della serie. Lui è totalmente senza filtri, non può essere domato, un po’ come i suoi cani e soprattutto è folle, ad un livello tale per cui puoi aspettarti davvero le peggio nefandezze. Ci auguriamo solo che prima o poi sia lui a finire sbranato dai suoi fidati alleati, un po’ come bramiamo ardentemente che Cersei si vendichi ed elimini l’Alto Passero e tutti i suoi ipocriti seguaci.

Per quanto riguarda Dany, ancora non abbiamo grandi elementi su cui discutere, se non che gli altri Dothraki ci hanno fatto rimpiangere il nostro amato Khal Drogo - Fede esige che si trovi un modo per farlo tornare in vita, Melisandre ci senti? Abbiamo apprezzato l’averci mostrato che, dopo il trattamento riservato inizialmente alla madre dei draghi, i Dothraki le abbiano poi mostrato il rispetto dovuto, scoprendo di chi fosse stata moglie, ricordandoci che vivono secondo regole ben precise, nonostante siano una popolazione selvaggia. Nel frattempo l’improbabile duo di pretendenti al cuore della Khaleesi la sta cercando e Daario non perde occasione per sbeffeggiare (Maina)Jorah, ricordandogli di essere il friendzonato numero uno della serie (Disorder dice: Daario per me è il classico belloccio insignificante, mentre trovo Jorah decisamente affascinante).

Abbastanza statico anche il percorso di Tyrion al momento, che invece avrebbe delle grandi potenzialità che speriamo vengano sfruttate a breve. Per ora ci ha regalato alcune delle sue battute per cui lo amiamo come “I drink and I know things” o “I’m here to help, don’t eat the help” con i draghi, con i quali sembra essere riuscito ad instaurare un dialogo e farsi comprendere. Che la cosa voglia dire altro, oltre al sottolineare l’intelligenza, già intuibile, di queste creature? Itanto Fede già lo immagina cavalcare draghi.

Nel frattempo, Bran continua ad essere in preda alle sue visioni mistiche, grazie alle quali scopriamo aspetti del passato dei personaggi della serie, come ad esempio il fatto che Hodor un tempo parlasse – cosa gli sarà successo? – e vediamo per la prima volta la famosa Lyanna. Il fatto, poi, che ci sia stata mostrata proprio nella puntata in cui Jon risorge, potrebbe essere un ulteriore indizio.

E veniamo quindi a lui, Jon. Che sarebbe risorto penso se lo aspettassero tutti, era un personaggio che aveva ancora troppo da dire e sarebbe stato controproducente eliminarlo, senza nemmeno risolvere poi la questione del mistero della madre. Quello che non ci aspettavamo è che tornasse in vita così presto. Bella la costruzione della scena, volta a convincerci che il rito non fosse riuscito, con tutti i restanti fedeli a Snow che abbandonano la stanza, in ultimo Davos e che Melisandre si fosse arresa e avesse perso le speranze, come metaforicamente spiegato dalla scena nella 6x01 in cui cala il velo, mostrandosi nel suo vero aspetto. E nel momento in cui l’episodio sta per finire, in cui solo Spettro è rimasto a fianco al padrone, ecco che Jon riapre gli occhi. Una scena che ha fatto ripensare a Lost con Jack e Vincent al suo fianco. Cosa vi aspettate adesso da Jon Snow? Quale sarà il suo destino? Se avete delle idee, fatecele sapere nei commenti.

 

VOTO: 4 su 5

 

Disorder & Fede Incas

 

 

Seguici sui social per rimanere sempre informato!

Follow Us


Articoli Recenti

La seconda stagione della serie tv che ha più diviso il pubblico lo scorso anno è finalmente...
Ieri è stata la giornata contro l'omofobia, la bifobia e la transfobia e noi di Disagio Seriale...
Nuova perla che potete trovare giá su Netflix, ancora poco conosciuta al grande pubblico, The...
A mio parere, Felicity e Oliver della serie fumettistica Arrow sono la coppia perfetta per...
Recensione di Atypical
15 Febbraio 2018
Poco pubblicizzata in Italia, nata da un’idea di Robia Rashid, e diretta da Seth Gordon, Atypical...
Template Settings

Color

For each color, the params below will give default values
Blue Red Oranges Green Purple Pink

Body

Background Color
Text Color

Header

Background Color

Footer

Select menu
Google Font
Body Font-size
Body Font-family
Direction