header

Follow Us

header2

 

Doctor Who segue le avventure del Dottore, un alieno della razza dei "signori del tempo". Egli viaggia nel tempo e nello spazio a bordo di una speciale navicella a forma di cabina telefonica di nome Tardis, più grande all'interno e attraverso vari mondi, con una predilezione per il pianeta Terra. Il Dottore non viaggia spesso da solo, infatti ha bisogno di una companion - prevalentemente sono donne - che lo controbilanci, lo aiuti a non diventare troppo rabbioso, vendicativo o ad abusare delle leggi del tempo. Doctor Who è la serie di fantascienza più longeva al mondo, infatti è iniziata nel 1963, per poi concludersi nel 1989 con 26 stagioni della "serie classica" e riprendere nel 2005. In Gran Bretagna rappresenta un vero e proprio culto. Noi ci occuperemo prevalentemente della serie nuova, quella che parte dal 2005.

 

Esistono due tipi di persone: quelle che, se un pazzo dotato di cabina blu atterrasse in città e proponesse loro di viaggiare nel tempo e nello spazio, non esiterebbero un secondo a partire, non curandosi dei pericoli, anzi sorridendo di fronte ad essi, perché la curiosità, la fame di conoscenza, l’apporto che tutto ciò che è estraneo può dare sono i motivi per cui vale la pena di essere vivi e quelli che nemmeno la noterebbero quella strana cabina telefonica. Se mi state leggendo, fate sicuramente parte del primo gruppo e questo senso di appartenenza a qualcosa di fantastico e unico, che non tutti hanno la capacità di cogliere, è l’aspetto più bello dell’essere un whovian. Senza contare tutte le volte in cui questa serie ci ha commosso, ci ha rallegrato, ci ha donato speranza, ci ha fatto riflettere, sorridere, arrabbiare, piangere fino a consumarci. Quella che segue non è una vera e propria classifica, perché per me è difficile quantificare le emozioni, ma è una raccolta cronologica, come un album di vecchie foto, dei momenti che mi hanno fatta innamorare di questa serie tv.

Leggi tutto: 25 momenti in cui Doctor Who ci ha irrimediabilmente commosso

Miei cari disagiati seriali, premetto che su alcune sigle (Dexter, Got, TWD, Fringe) sono decisamente d’accordo con quanto esposto da Fede nel suo articolo, che trovate qui, altre non le conoscevo e mi hanno decisamente invogliata ad iniziare le rispettive serie (siccome non ne seguiamo mai abbastanza). Ad ogni modo, non potevo esimermi dal dire la mia su questo argomento, che unisce due delle mie passioni preferite: la musica e le serie tv.

Leggi tutto: Le sigle più belle delle serie tv - parte seconda

In questa puntata, come sempre ospiti di Virale su Cluster fm, vi facciamo una sorta di bollettino-calendario delle serie tv che sono tornate in Aprile e che non dovete perdervi. In particolare vi segnaliamo il ritorno di Prison Break con un'inedita quindi mini-stagione, la terza stagione di Better Call Saul, la decima di Doctor Who e la settima e ultima di Pretty Little Liars.

Leggi tutto: Podcast puntata del 07-04-17 Bollettino seriale di Aprile!

Quest'oggi abbiamo parlato degli speciali di Natale andati in onda durante il periodo di vacanze e del season finale di Sherlock, che ormai non è un mistero, ci ha proprio deluse.

Leggi tutto: Podcast puntata del 20-01-2017 - commento sugli speciali di Natale di Sense8 e Doctor Who e sul...

Articoli Recenti

Per i fratelli Duffer, gli autori di Stranger Things, non era certo un'impresa facile tenere il...
In un periodo in cui prolificano serie TV che ci proiettano in futuri poco edificanti sulla scia...
"Big Little Lies" è una miniserie di sette puntate, creata da David E. Kelley (Ally McBeal), diretta...
La settima stagione di Game of Thrones si è conclusa Domenica notte con una puntata forse fin...
La puntata che andiamo ad analizzare è stata finalmente meno frenetica del solito, più facile da...
Template Settings

Color

For each color, the params below will give default values
Blue Red Oranges Green Purple Pink

Body

Background Color
Text Color

Header

Background Color

Footer

Select menu
Google Font
Body Font-size
Body Font-family
Direction