header

Follow Us

header2

Praticamente tutto il web è in festa per la 6x07 di Once Upon a time, una puntata meravigliosa, degna dell’atmosfera che si respirava nella prima stagione. Nonostante io faccia parte dei fan irriducibili della serie ed abbia comunque continuato ad apprezzarla sempre allo stesso modo in questi sei anni, devo collocare “Heartless” un gradino sopra molti episodi delle ultime stagioni. Del resto, è stato sceneggiato da Jane Espenson (“Skin deep”, “Talhassee” tra gli altri), che già di per sé costituisce una garanzia.

Il pregio più grande della puntata è quello di aver reso di nuovo interessanti i Charming, raccontando qualcosa di inedito e potentissimo, anche dopo sei anni di show. Diciamocelo, anche i fan più sfegatati di Regina (me compresa) avevano saputo apprezzare la storia di Snow White e Charming durante la prima stagione, lei ribelle e indipendente nei flashback, lui non il classico principe azzurro stereotipato. A Storybrooke erano stati separati dalla maledizione e questo arricchiva di angst la loro storia, però dopo essersi riuniti, nel corso delle stagioni seguenti si sono assestati sullo stesso piano, ripetendo sempre i medesimi schemi e finendo per risultare un po’ noiosi e a volte irritanti e ipocriti (parentesi comiche a parte, come durante il primo appuntamento fra Emma ed Hook). Non era un’impresa facile, quindi, ad oggi, farci innamorare di nuovo della coppia, eppure ci sono riusciti perfettamente, mostrandoci il loro reale primo incontro: da estranei si sono "visti", senza neanche guardarsi realmente in volto; in quella determinata circostanza ci sono stati l’una per l’altro, hanno creduto l’uno nell’altra, ciecamente, senza alcuna ragione precisa, ma capendo, solo parlandosi, di avere già un legame e, sfiorandosi, hanno dato vita alla scintilla che ha generato l’albero del vero amore, ancor prima di innamorarsi veramente. Il tutto è ancora più poetico se ci fermiamo un attimo a pensare che i due attori che li interpretano si sono innamorati e sono una famiglia anche nella realtà.

Geniale, poi, il fatto che questo nuovo incantesimo del sonno scagliato dalla Evil Queen sia ancor più sadico del precedente, probabilmente perché ormai la parte buona incarnata da Regina è completamente separata da lei: l’amore dei Charming diviene anche la loro condanna perché ogni volta in cui uno dei due riuscirà a salvare l’altro, questo cadrà nel sonno profondo, poiché i due condividono lo stesso cuore, al quale è legata la maledizione. Un twist veramente apprezzatissimo.

Da brividi, ancora una volta, l’interpretazione di Lana Parilla che restituisce al meglio la duplicità del suo personaggio: da una parte Regina, ormai completamente parte della sua nuova famiglia, desiderosa di aiutare e sinceramente partecipe alle loro vittorie e dall'altra la Evil Queen, che, con quel dialogo iniziale tra lei e Snow White, ci ricorda perché la amavamo così tanto e quanto in realtà la sua malvagità sia il prodotto di ciò cha dovuto subire. La sua non è mai stata solo cieca sete di vendetta, lei ha sofferto l’essere sempre stata sola ed ora vuole far provare il suo dolore ai suoi acerrimi nemici. Ed effettivamente, dopo sei anni, finalmente la Evil Queen, di fatto, ha vinto per la prima volta, ottenendo ciò che ha sempre voluto. Come si sentirà adesso?

 

Sempre a proposito di true love, inevitabile piangere durante la scena Captain Swan. Hook è sempre stato capace di trovare le parole giuste, in grado di arrivare al cuore di Emma e rassicurarla quando ne ha più bisogno, da un semplice: “non ti ho mai vista fallire” detto ai tempi della ricerca di Henry a Neverland, al credere nelle sue potenzialità magiche in plurime occasioni. Non è da meno stavolta, riuscendo, se possibile, ad essere ancor più incisivo, in un momento in cui Emma si sente totalmente impotente e fragile – e quindi ne aveva ancor più bisogno. Come in una vera fiaba, la voce di Hook è quella del narratore che racconta una storia, quella dei Charming, indissolubilmente legata, nonostante tutto il periodo di lontananza, a quella della figlia. Hook ricorda ad Emma che è stata lei a tenere uniti i suoi genitori perché è il frutto stesso del vero amore ed io sono convinta che sia, in realtà, questo elemento a renderla davvero una savior, anche se dovesse effettivamente perdere i poteri perché qualcuno userà le cesoie contro di lei. Lei li ha tenuti uniti, lei salverà di nuovo tutti perché questa è la sua essenza, “remember who you are”. Tra i due attori c’è una chimica pazzesca (non capisco cosa vedano quelli che affermano il contrario) ed io sono quasi convinta che il bacio a mano di Hook possa essere stata una sua improvvisazione, come del resto Colin e Jen sono soliti fare durante le scene che li riguardano (ci ricordiamo tutti i baci dati da Emma a Hook al ritorno di quest’ultimo dall’Ade, farina del sacco di Jen).

In ultimo, non dobbiamo dimenticare la scena Rumbelle. Finalmente, dopo non so più quante stagioni in cui è stata un personaggio sottotono, relegata spesso sullo sfondo, Belle ha dimostrato di nuovo di avere carattere e quella determinazione per cui ci è sempre piaciuta, andando da Rumple, non in quanto moglie gelosa e ferita dalla scoperta della sua tresca con la Evil Queen (a proposito, la faccia di Hook a riguardo è la reazione di tutti noi spettatori), ma per affrontarlo, per sbattergli in faccia che questo suo comportamento lo rende, in realtà, solo più debole. Perché lui non è come la Evil Queen, non è completamente cattivo, sarebbe capace di amare, solo sceglie di non farlo. Ho visto Rumple davvero colpito e ferito dalle parole della moglie, solo che purtroppo il suo primo pensiero è stato ancora quello di cercare vendetta su Zelena, invece di concentrarsi su se stesso, quindi credo che il cammino sia ancora lungo. Per quanto riguarda Zelena, invece, credo che ben presto tornerà dalla parte di Regina, forse in seguito ad una mossa di quest’ultima, che va detto, comunque, non essersi comportata correttamente con la sorella.

Prima di lasciarvi, alcune bonus gif:

 

 

E ancora, una perla di saggezza:


E voi come avete trovato l'episodio?

 

Seguiteci anche sui social per rimanere sempre informati!

Follow Us

 

Author info box
Disorder
Author: Disorder
About me

Appassionata di serie tv di tutti i generi, da quelle di qualità a quelle trash, fin dai tempi pre-Lost in cui ne uscivano relativamente poche ed era possibile seguirle tutte, conducendo al contempo una piena vita sociale. Adesso ha perso molte ore di sonno e parte della sua vita sociale per poter stare al passo - arrancando. Se dovesse scegliere le cinque serie tv a cui è più affezionata, queste sarebbero Lost, Alias, Twin Peaks, Doctor Who e Once upon a time, anche se sta soffrendo per averne lasciate fuori un'altra decina. Prova empatia prevalentemente per personaggi cattivi perché sono caratterizzati meglio, con quelli che maiunagioia e spesso secondari.

Oltre alle serie tv si nutre di film, musica, arte, fotografia, grafica, libri e viaggi.

 

Articoli dell'autore

Articoli Recenti

Con questo articolo inauguriamo una nuova rubrica, utilissima per l'estate, dal nome "Serial - kit di...
Lo so, questa serie è piaciuta da morire praticamente a tutti e, prima che partano gli insulti, il mio...
La seconda stagione della serie tv che ha più diviso il pubblico lo scorso anno è finalmente...
Ieri è stata la giornata contro l'omofobia, la bifobia e la transfobia e noi di Disagio Seriale...
Nuova perla che potete trovare giá su Netflix, ancora poco conosciuta al grande pubblico, The...
Template Settings

Color

For each color, the params below will give default values
Blue Red Oranges Green Purple Pink

Body

Background Color
Text Color

Header

Background Color

Footer

Select menu
Google Font
Body Font-size
Body Font-family
Direction